Prestiti a fondo perduto per aziende e società. Dove cercare offerte

La crisi economica del Paese ha creato vuoti occupazionali, soprattutto a danno dei lavori dipendenti. Questa situazione ha creato la necessità di reinventarsi in un nuovo ruolo, quello imprenditoriale ad esempio.

Un’attività in proprio è una bella sfida soprattutto a livello d’investimento iniziale, che spesso ha bisogno di aiuti economici, sotto forma di prestiti.

Cosa sono i prestiti a fondo perduto

Per agevolare la nuova imprenditoria e anche per supportare quella già esistente ma in difficoltà, sono a disposizione i prestiti a fondo perduto per aziende e società.

Si tratta di strumenti finanziari, contributi stanziati ed erogati da enti pubblici o società finanziarie pubbliche, studiati a beneficio di nuove attività imprenditoriali o d’imprese già avviate.

Nel primo caso, per le nuove società, il prestito è finalizzato alla copertura di parte delle spese riguardanti l’avviamento. Nel secondo caso, società già avviate, per il consolidamento delle stesse.

Chi usufruisce dei prestiti a fondo perduto non dovrà restituire il capitale erogato né tantomeno gli interessi calcolati sullo stesso.

Dove cercare offerte prestiti a fondo perduto. Chi li eroga?

Gli enti pubblici che erogano tali prestiti, previa verifica dei requisiti necessari sono diversi, tra questi i Finanziamenti Regionali che sono emessi in base alle esigenze del territorio.

Oltre alle Regioni anche i Finanziamenti Europei, attraverso i Fondi Strutturali, prevedono incentivi a fondo perduto di cui si ha nota attraverso la pubblicazione dei relativi bandi.

La rete, il web, sono un ottimo punto di partenza per informarsi con attenzione su tutti i possibili prestiti in corso, erogati nella propria regione e per la tipologia della propria attività.

Esistono anche società che si occupano di erogare fondi, incentivi e agevolazioni a tutti i soggetti che decidono di avviare un lavoro autonomo.

Chi può richiedere i prestiti a fondo perduto

Occorre puntualizzare che non tutti i soggetti possono richiedere un prestito a fondo perduto. Le leggi sono abbastanza restrittive e spesso le agevolazioni sono rivolte a determinate categorie di persone.

I primi a beneficiarne sono i giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Anche i disoccupati con determinate caratteristiche possono accedervi così come le donne, queste ultime definite categoria protetta.

Non è raro che in ambito europeo, siano stanziati fondi a esclusivo appannaggio dello sviluppo del mezzogiorno d’Italia, o di particolari altri regioni italiane che hanno bisogno di una spinta per potenziare il settore produttivo e imprenditoriale.

Le imprese che hanno già un’attività avviata, possono richiedere sempre se rispondenti a particolari requisiti, il prestito a fondo perduto. Il denaro servirà a rinnovare o sviluppare l’attività stessa. Il contributo può essere anche utilizzato per acquistare beni primari, come attrezzature, o strumenti d’informatica e anche per le spese concernenti la formazione del personale. Le spese per la pubblicità dell’azienda possono rientrare di diritto all’interno del prestito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *