Mario Monti, i provvedimenti in studio nel Governo Tecnico

E’ stato sciolta quest’oggi la riserva: Mario Monti ha formalmente accettato l’incarico di Presidente del Consiglio, confermando le aspettive e le dichiarazioni dei giorni scorsi che già avevano anticipato la nomina a Premier per l’economista. Nasce così, tra il sollievo di alcuni e le polemiche di altri, il Governo Monti, che si presenta a tutti gli effetti come un governo puramente tecnico. Nella lista dei ministri presentata oggi, infatti, compaiono nomi nuovi, come Paola Severino, ora Ministro della Giustizia, Francesco Profumo dell’Istruzione, Università e Ricerca, Elsa Fornero del Welfare, Corrado Passera Ministro delle infrastrutture, dei Trasporti e dello Sviluppo economico e Renato Balduzzi alla Sanità.

Il ruolo di Ministro dell’Economia sarà ricoperto dallo stesso Monti, mentre è stato confermato il ruolo di sottosegretario alla Presidenza del Consiglio assegnato ad Antonio Catricalà, ex presidente dell’Antitrust; altri nomi sono ancora da confermare e appaiono ancora incerti, ma sta di fatto che nel nuovo governo non è presente alcun politico, proprio per agevolare la ripresa ed evitare scontri e “imbarazzi”, come ha più volte sottolineato il Presidente del Consiglio Mario Monti. La speranza di molti è che il paese riesca a risollevarsi rapidamente dalla crisi economico- politica grazie a misure che riescano a contrastarla. Senza dubbio, come ha tenuto a sottolineare nei giorni scorsi Giorgio Napolitano, ci aspettano tempi duri, pieni di sacrifici dai quali non possiamo esimerci; intanto la giornata di oggi si è chiusa positivamente per Piazza Affari, lasciando sperare che la situazione economico- finanziaria italiana possa migliorare in tempi non troppo lunghi.